Cresta integrale dell’Aiguille d’Entréves

Cresta integrale dell’Aiguille d’Entréves

postato in: Alpinismo, Creste | 0

Quando capitano le giornate di cielo completamente terso su tutto il nord Italia, c’è un solo posto dove andare…..le Mont Blanc!!!
Dopo l’Aiguille de Marbrée fatta l’anno scorso, quest’anno ci siamo buttati su un’altra crestina classica di livello medio-facile.
Forse nel tempo siamo migliorati noi tecnicamente, o forse quest’anno c’era poca neve sulla cresta, sta di fatto che non l’abbiamo trovata così impegnativa nonostante fosse gradata AD e con un passo di IV in esposizione notevole.
In compenso abbiamo goduto al 1000% del solito maestoso paesaggio del Monte Bianco e della IMMENSA giornata di oggi. Davvero senza macchia!!!

Prima cresta in quota e su ambiente severo per Erica e grande prestazione sua!!
Nonostante l’esposizione di livello, qualche passaggino di arrampicata un po’ oltre e una discesa dritto per dritto su pendenze di neve attorno ai 40-45° (con crepacci annessi), non ha battuto ciglio e ci ha seguiti in questa bella impresa, tirando anche qualche pezzettino da prima.
E brava la mia Mu!!

 

Monte Bianco - Aiguille D'Entréves

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    decidiamo di tagliare dritto per dritto andando giù per la verticale che c'è sotto la cima. Erica non è molto d'accordo, ma alla fine si lascia convincere e scende suo malgrado da questo bel pendio di neve ripido che si chiuderà con un salto di crepaccio... 😉

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    L'enorme crepaccio che abbiamo evitato

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Ed ecco il nuovo impianto del Monte Bianco che va da Courmayeur a punta Hellbronner. Non fosse per i 45 euro per un'andata e ritorno, sarebbe anche bello, cazzo!!

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Erica riposa e si gode il sole sul terrazzo del rifugio Torino

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Vista dal Torino del ghiacciaio della Toula

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Ecco lo schema della nostra gita. La traccia bassa è l'andata, quella alta il ritorno

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Ecco la parte finale della nostra cresta e l'inizio della nostra discesa verso il rifugio

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Dopo una bella risalita rieccoci al Torino a riposarci e a prendere un po' di ulteriore sole prima della discesa a valle

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Niggah si appresta al salto del crepaccio finale al termine della nostra discesa diretta dalla cima

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    I 3 osservano la discesa appena effettuata facendo considerazioni sul mega crepaccio

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    il Gallo riorganizza il materiale sul terrazzino al termine della nostra cima (immancabile Strizzatazza compresa)

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Rifocillamento al termine della cresta con la Strizzatazza, e sullo sfondo il Dente del Gigante

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Questa foto lo rappresenta al 100%. Sicuramente, sarà la sua nuova foto del profilo. Vero Niggah? 😀 😛

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Niggah sale sullo spuntone che dà accesso alla discesa dalla cima

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Riattacchiamo all'imbrago rinvii, friend, Strizzatazza e cordini e ci prepariamo per la discesa

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Erica disarrampica scendendo dalla nostra cima

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Cima!! Alè!! Ma non c'è tempo purtroppo.....troppe cordate in fila. Giusto il tempo di goderci l'attimo e dobbiamo continuare il nostro percorso di cresta

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    io ed Erica appena sotto la cima. Mi concedo un muggito assaporando a breve la vittoria

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Niggah si appresta a risalire su una delle due punte della nostra cima bifida

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    risatona della mucca in pausa sigaretta prima del passaggino di IV grado, il punto in teoria più duro della via

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Vuoi non trovare una molletta di legno a 3600 metri?? eh....metti che sei lì e devi stendere.....come fai senza? 😉

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Niggah fa il pagliaccio lunga la cresta orizzontale, con Io ed Erica che attendiamo il nostro turno per procedere

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Erica impegnata nella scalata delle rocce esposte a picco sul vuoto

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    il Gallo attacca la risalita verso la nostra cima

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Gallo e il Niggah provano la strada sulla destra e trovano un passaggio. Un po' esposto, ma a loro sembra meglio di quello a sinistra, così procediamo tutti di lì.

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    La vista verso il Dente del Gigante inizia ad essere da urlo con il sole che piano piano si alza nel cielo

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Supermucca all'attacco del pezzo più impegnativo della cresta

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Qui il Gallo parte sul lato sinistro della cresta ma poi non trova una via e allora passa sul lato opposto, riuscendo così a proseguire

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Intanto Erica si prepara ad affrontare il pezzo più duro

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Ohhh....ecco che si comincia a fare sul serio! Di fronte a noi il pezzo esposto e con le maggiori difficoltà tecniche che ci farà prima attraversare in orizzontale per poi salire verso la cima dell'Aiguille d'Entréves. Aspettiamo 5 minuti per lasciar fluire le cordate davanti a noi e poi partiamo

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Mucca dopo i primi sfasciumi dall'attacco della cresta

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    la cordata del Gallo e del Niggah attacca la cresta. Il Gallo anche oggi è stato tirannico e se l'è tirata quasi tutta lui. Per fortuna io ero in cordata con Erica e quindi me la sono tirata a mia volta quasi tutta io! 😉

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Gab in preparazione alla base della cresta, dà una sistemata alle spire della corda per essere comodo e veloce nelle manovre

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Ecco la parte iniziale della cresta. Facili sfasciumi. Ma poco dopo, arriverà subito la parte esposta e divertente

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Niggah ed Erica alla base dell'attacco della nostra cresta. Si preparano e si godono il paesaggio verso valle da questo bel punto di osservazione

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Ecco la nostra cresta ormai vicina. Decidiamo di approcciarla dal lato più ripido, facendo così le difficoltà maggiori nella parte iniziale ed essendo poi più vicini durante il ritorno

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Erica studia il nostro obiettivo della giornata

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    In lontananza cominciamo ad avvistare il massiccio dell'Entréves e il nostro percorso di cresta di oggi

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Dente del Gigante sta ancora dormendo, ma non gli scalatori che si apprestano a salirlo, che sono già in viaggio verso le sue pendici

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    I ragazzi scendono dal col des Flabeaux in direzione del Mont Blanc du Tacul e del ghiacciaio sottostante

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    a pochi passi dal Torino, troviamo TENDOPOLI, nel punto che probabilmente gode della migliore protezione dal vento. Tanta roba dormire in tenda qui!

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Arrivati al Torino, prepariamo le nostre due cordate e ci avviamo verso la nostra cresta di oggi

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Il Gallo fa colazione con la Strizzatazza con lo sfondo dell'alba

  • Cresta integrale dell'Aiguille d'Entréves

    Visto che hanno aperto la nuova funivia, abbiamo deciso di inaugurarla per bene prendendo la prima corsa delle 6:30. Per riuscirci, nottata in macchina nel parcheggio sotto la funivia nell'albergo mobile del Niggah 😉 E grazie a sta mossa, ci siamo anche goduti la splendida alba che spunta dal Bianco

Posted from Aosta, Italy.

Lascia un commento