Lago di Valagola – facile escursione invernale ai piedi del Brenta

pubblicato in: Ciaspolate, Scialpinismo | 0
SANT’ANTONIO DI MAVIGNOLA (TN) VIVAIO BRENTA (1.150mt circa) – LAGO DI VALAGOLA (1.600mt) – Escursione con ciaspole o sci da alpinismo (MS) – Sviluppo 10 km – Dislivello 450 mt – Esposizione NORD

La Val d’Agola o Valagola, è un comodo accesso alla zona sud-occidentale del gruppo del Brenta e tramite essa è possibile raggiungere il rifugio XII Apostoli, situato proprio ai piedi dell’ex ghiacciaio d’Agola, ormai quasi del tutto sparito.

In estate questa escursione è praticata da molte persone in quanto una volta l’anno gli Alpini si ritrovano al XII Apostoli e regalano i loro canti a chi ha l’ardore di arrivare fin lassù.
In inverno invece, raggiungere il XII Apostoli è assai arduo ed adatto solo agli scialpinisti più esperti, mentre raggiungere semplicemente il lago di Valagola è una gita molto solitaria e di grande interesse paesaggistico, senza però particolari pendenze, adatta quindi a grandi e piccini.

E’ possibile percorrerla sia con le ciaspole sia con gli sci da alpinismo anche se la discesa con questi ultimi non regala particolare divertimento, in quanto la maggior parte del percorso è praticamente in falso-piano e l’unica parte realmente sciabile è il boschetto finale che conduce al lago e che offre qualche divertente curva tra gli alberi.

La gita è comunque molto meritevole in quanto il paesaggio del lago ghiacciato ripaga da solo il lungo avvicinamento. Inoltre volendo, i più allenati possono proseguire fino alla piana di Nardis o addirittura fino al rifugio XII Apostoli (2.487mt). Attenzione però che andando oltre il lago la gita diventa non più adatta ai principianti o alle famiglie.

Avvicinamento

Da Sant’Antonio di Mavignola, superato l’hotel Posta e la fontana del paese, svoltare a destra lungo la strada che conduce in Val Brenta. Al primo bivio tenere la sinistra e dopo circa 1 km, prendere la strada che scende a destra.

Al termine della discesa prendere a sinistra al bivio successivo (attenzione che spesso in questo punto la strada è ghiacciata d’inverno) e risalire per due tornanti fino all’ex vivaio Brenta dove si parcheggia negli slarghi della strada di fronte al maso.

Superata la stanga, salire per altri due tornanti e giunti all’ampio parcheggio di Brenta Bassa, proseguire a destra lungo la strada per alcuni km fino a raggiungere il parcheggio e la stanga della strada della Valagola.

Descrizione della salita

Dalla stanga, proseguire lungo la strada nel bosco che sale con pendenze molto dolci lungo la vallata. Dopo alcune centinaia di metri iniziano ad esserci delle piccole scorciatoie che sono più che altro dei tagli rispetto ai tornanti che fa la strada ma se non li trovate già tracciati conviene proseguire comodamente sulla strada per circa 2 km fino ad un tornante stretto con dei cartelli.

Qui è consigliabile seguire il sentiero che taglia nel bosco in quanto la strada allunga il percorso di almeno 1 km. La pendenza aumenta leggermente ma l’ambiente è sicuramente più interessante.

In breve ci si ricollega nuovamente alla strada all’altezza di un altro tornante dove parte l’ultimo lungo taglio nel bosco che conduce praticamente fino a Valagola. Una volta riguadagnata la strada, basta seguirla per gli ultimi 100 metri fino alla malga: il lago si trova altri 100 metri più avanti aggirando qualche gobba innevata.

Attenzione che non capita spesso di trovare il lago perfettamente ghiacciato come è capitato a noi, motivo per il quale SCONSIGLIAMO DECISAMENTE di provare a camminarci sopra.
E’ invece possibile e consigliabile percorrerne il periplo seguendo quello che d’estate è un sentiero a bordo acqua, molto piacevole e che offre begli scorci.

Discesa

Si ripercorre la stessa strada di salita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *