A spasso per il Parco Naturale Adamello Brenta

pubblicato in: Trekking | 0
PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA – VAL BRENTA/LAGHI DI SAN GIULIANO – trekking

Circostanze non particolarmente felici mi hanno portato a Campiglio negli ultimi due giorni.
Una volta lì però, perché non godersela!
Il meteo dava i primi 3 giorni di sole da tipo 1 mese e mezzo, così ne ho approfittato per fare un po’ di “gitarelle”, onde riprendere l’allenamento e la gamba dopo l’operazione e tutti i casini che ho avuto.
A sto giro ero da solo, quindi potevo anche tenere il passo che volevo e fermarmi in qualsiasi momento.
Ne ho goduto tantissimo, facendo un sacco di foto anche in posti che conosco benissimo, ma soprattutto ne ho approfittato per girare posti che in 36 anni lassù avevo sempre ignorato per varie ragioni.
In questo album ci sono tutti e tre i giorni.
1) Primo giorno: arrivo diretto da Milano tipo alle 4 di mattina e verso le 5:30, vedendo la giornata perfetta, decido di andare in montagna.
Vado sul sicuro e faccio il giro classico per mettere su gamba, ovvero….la val Brenta da fondo a cima!
21km, 1600mt di dislivello.
Per essere fermo da un mese e mezzo, mi ritengo più che soddisfatto!!
2) Secondo giorno: è ora di fare qualcosa che non ho mai fatto.
Decido per il giro dei laghi di San Giuliano, una classica da ste parti, ma io l’ho sempre ignorata considerandola un “giro da vecchi”.
E invece mi sbagliavo.
A parte che fare tutto il giro è comunque una gitarella non da sprovveduti, ne vale veramente la pena.
Paesaggi meravigliosi. E’ forse uno dei punti più panoramici che io ricordi in tutto il gruppo.
Da rifare con Erica e amici!
12,5km e poco più di 900 metri di dislivello.
3) Terzo giorno: mi alzo stranamente tardi (ero un po’ stanco si vede).
A quel punto chiudo casa e parto verso Milano.
Sulla strada del ritorno, decido di andare a fare una capatina in val Daone e in val di Fumo, due valli “basse” del parco che non conosco e che vorrei girare nei prossimi.
Ci vado solo in macchina perché ormai era ora di pranzo e faceva troppo caldo per camminare.
Ma la val di Fumo è fighissima e ci tornerò senz’altro!

E poi……basta 😉
Finito. Di nuovo a Milano ad arrostire.
Comunque sono stati 3 giorni bellissimi e sono contento che il mio fisico abbia retto e mi abbia anche dato una certa soddisfazione sui tempi e le altitudini!
Alla prox!

3 giorni nel Parco Naturale Adamello Brenta

  • Infine, una bella pizzetta prima di tornare a valle a cuocere di caldo. Bella parentesi!! Da rifare!!

  • Ecco finalmente la diga del lago di Bissina, all'inizio della val di Fumo. Sullo sfondo, si vede svettare il Caré Alto, visto da una prospettiva affascinante e a me, fino ad ora, ignota. Questa valle merita un approfondimento ed una esplorazione seria!!

  • lungo la strada della val di fumo è pieno di belle placche di granito chiodate a fix

  • sono ormai a pochi metri dalla macchina e mi corre incontro lungo la strada sterrata questo cucciolo di cerbiatto. è disperato. Cerca la mamma probabilmente, ma non la trova. Ci guardiamo per qualche secondo, poi gli indico la strada, e lui va......sempre di corsa, sempre a cercare la mamma. Povero. Bellissimo. Ho segnalato la cosa ai guardia parco. Spero abbiano risolto.

  • sono ormai a pochi metri dalla macchina e mi corre incontro lungo la strada sterrata questo cucciolo di cerbiatto. è disperato. Cerca la mamma probabilmente, ma non la trova. Ci guardiamo per qualche secondo, poi gli indico la strada, e lui va......sempre di corsa, sempre a cercare la mamma. Povero. Bellissimo. Ho segnalato la cosa ai guardia parco. Spero abbiano risolto.

  • passa qualche ora. finito il giro dei laghi di San Giuliano, vado a PAPPARE. Mi ammazzo di cibo, riposo un po'......ma poi mi viene ancora voglia di camminare. Faccio quindi un salto in val di Genova per vedere come stanno le castcate Nardis. Mi tocca parcheggiare in culo ai lupi per non pagare i 5 fottuti euro di ingresso alla valle (ammazzatevi!!!), ma vabbè.....mi sparo ulteriori 5 km e vado a vedermi le Nardis, che.........

  • ......che stanno un gran bene in questo momento! Sempre belle! Anche se son quasi 40 anni che le guardo e le riguardo e le riguardo............. 😉

  • ...e qui invece con la malga Campastril, posto con vista privilegiatissima sul Brenta!!

  • di ritorno verso la macchina, mi appaiono i tipici fiorellini azzurri alpini che però oggi è la prima volta che li vedo, e quindi ci scatta la foto

  • man mano che scendo e mi avvicino alla macchina, il Brenta diventa sempre più bello e cerco di coglierlo con qualche particolare. Qui con una bella pianta fiorita....

  • vista verso la selletta da cui sono sceso

  • vecchio scarpone, quanto tempo è passato...... 😉

  • lago Vacarsa visto da vicino

  • Qui siamo in val di Fumo. Poco a monte, c'è un maneggio posizionato in location bellissima e dove vale sicuramente la pena di prendere a noleggio un cavallo. Ci penseremo alla prossima occasione!!

  • Terzo giorno. Volevo fare un lungo giro in val di Fumo. Ma mi sveglio tardi e ho 10 kg di prodotti tipici da portare a Milano sani e salvi con 32° di temperatura. Faccio quindi una volata in macchina, facendo due foto tra la val Daone e la val di Fumo. Questa è una della cascate che finiscono nel lago artificiale della val Daone.

  • dettaglio della bella diga del lago Bissina

  • Ecco la mappa del giro di giovedì 23. Giro un po' più riposante rispetto al giorno precedente, ma comunque impegnativo tenendo conto dell'effort del giorno prima e della totale mancanza di allenamento. Sempe più soddisfatto..... 😛

  • ormai manca poco alla macchina. decido quindi di pucciare i piedoni nel lago Vacarsa, che dopo 4 ore di cammino con scarponi ai piedi, fa un sacco piacere!

  • scendendo dalla selletta sul lato opposto, appare entro breve il lago Vacarsa, in tutto il suo splendore

  • foto normale del Brenta visto dalla selletta

  • foto normale, non panoramica, in direzione della Presanella coperta dalla prima nuvoletta

  • 180° dalla selletta in direzione del Brenta.

  • eccomi finalmente alla sella!! dalla parte opposta spunta il Brenta in tutto il suo splendore. Posto fantastico questo. Da qui, si ammira il paesaggio più completo dell'intero parco Adamello-Brenta, in quanto sono visibili tutte le cime principali e tutti i gruppi montuosi. Posto spettacolo!!

  • 180° dalla selletta in direzione del Pian di Neve.

  • Vista a pochi metri dalla selletta

  • io sto risalendo verso una selletta, e man mano che salgo, vedo sempre meglio i bei laghi sottostanti da cui provengo. meraviglia!!

  • altra panoramica della malga San Giuliano prima di procedere verso il lago

  • Pochi minuti dopo, ecco apparire il lago in tutto il suo splendore!

  • malga San Giuliano e gruppo della Presanella

  • ancora pian di neve. Scusate ma per me questa è droga!! 😉

  • panoramica del pascolo della malga di San Giuliano e del suo splendido sfondo montuoso

  • questa meraviglia è la malga S. Giuliano. purtroppo privata, ma a poche centinaia di metri dall'omonimo lago e dal rifugio

  • le belle stalle delle fortunate mucche che pascolano qui.

  • da qui, vedi dritto di fronte il Caré Alto, il Pian di Neve e l'Adamello. E lamentiamoci!! 😉

  • giri l'angolo, e ti ritrovi nell'alpeggio del secolo. inizio a capire il cartello di prima!!

  • e poi ad un certo punto ti trovi questo........ diciamo che le aspettative crescono!

  • begli affluenti laterali

  • la Presanella vista dal lato della val Nardis

  • pieno pieno pieno di questi bugs...blu/violacei. belli!

  • la prima ora e mezza è tutta in uno splendido bosco, che fa anche piacere visto il caldo che sta venendo su

  • si passa accanto alla malga di Campo e ci si ricollega nel giro di breve col sentiero che sale dal pian delle vacche

  • giovedì 23. Decido per i laghi di San GIuliano. Parto ad una ventina di minuti dalla malga Campo e quando la raggiungo, ecco la sua bella posizione con la Presanella sullo sfondo

  • Ecco l'andata del mio giro di mercoledì 22. Il ritorno è identico....ma molto più fastidioso della salita

  • il lago di San Giuliano e la sua chiesetta, su cui oggi sono presenti due volenterosi operai per riparare il tetto

  • Superato il lago di San Giuliano, mi avvicino al rifugio

  • mi accoglie questo bel cagnone che si dimostra amichevole e simpatico, anche se un po' diffidente visto che in valle non c'è veramente nessuno

  • Vista dello splendido lago di Garzoné, contiguo a quello di San Giuliano

  • mi fermo al rifugio per colazione e mi piglio la torta di mele e........uno spritz! la colazione dei campioni!! 😛

  • Dopo i primi metri di salita sul nevaio decido di tornare in giù prima di scivolare. La discesa sarà.....eterna, come al solito!

  • Ciao CAMPANILE BASSO!!! Sono venuto fino a qui solo per salutarti!!!!

  • Eccomi nell'ultimo pezzo verso la bocca. Vado su fino a metà ma poi torno indietro perché la neve nella parte alta è più dura e non riesco a scavarla con le mie peppe. Poco male. Sono arrivato fino a qua solo per una ragione.....che si vedrà nella prossima foto.

  • inizia ad esserci neve. Finché sono in orizzontale nessun problema.....ma per il muro finale la vedo difficile in scarpe da ginnastica

  • Canalone Neri, Crozzon e Cima Tosa

  • lo stagnetto poco a monte della malga con la nebbiolina del mattino (3)

  • Saluto alla chiesetta del Brentei

  • Vista verso la bocca di Brenta, mio obiettivo di oggi

  • in avvicinamento alla bocca di Brenta

  • lo stagnetto poco a monte della malga con la nebbiolina del mattino (2)

  • Scorcio del Brentei di fronte alle sue imponenti cime

  • dettaglio del canalone Neri, in condizioni perfette (ho chiesto al rifugio)

  • Profilo del Crozzon!

  • arrivato a Brenta Alta, il solito spettacolo del Crozzon dietro al bivacco più bello del mondo

  • bivacco più bello del mondo, visto di fronte

  • lo stagnetto poco a monte della malga con la nebbiolina del mattino (1)

  • gioco e riprendo un po' di feeling con la roccia

  • pisciatine muschiose lungo la cascata

  • si parte verso brenta alta

  • begli scorci del MIO torrente

  • begli scorci del MIO torrente

  • begli scorci del MIO torrente

  • tronco spezzato di netto. Mica facile visto il diametro!

  • dettagli di albero

  • immancabile pozza dei giganti in brenta bassa

  • sembra una ciabatta più che un fiore 😀

  • immancabile pozza dei giganti in brenta bassa

  • pinetti mettono i nuovi germogli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *