GeoResq: a volte uno smartphone può salvarti la vita

postato in: nello zaino | 0

georesq

Se c’è una cosa fastidiosa in montagna è il telefonino che suona o vibra in tasca o nello zaino. Ce lo portiamo dietro per fare qualche foto, perchè “non si sa mai”, sperando sempre che non ci sia campo o che la batteria si scarichi: invece può diventare uno strumento utile per il soccorso, per esempio grazie a questa App del Soccorso Alpino sponsorizzata dal Cai.

Si chiama GeoResq e come suggerisce il nome consente in primis la geolocalizzazione e l’eventuale inoltro di chiamate d’emergenza attraverso il GPS dello smartphone su cui è installato, ma anche il tracciamento e l’archiviazione su portale dedicato dei percorsi fatti.

Ovviamente ciò comporta una riduzione della durata delle batterie del telefono, dunque, tenuto conto del percorso che si vuole fare e degli eventuali punti di appoggio, sempre meglio dotarsi di un caricabatterie portatile d’emergenza. L’App non è ancora gratuita, ma ha un costo ridicolo, soprattutto per i soci Cai, che godono di particolari agevolazioni. Trovate tutte le info qui: https://www.georesq.it/

Condividi su
Disclaimer

Attenzione: Le attività che si svolgono in montagna quali alpinismo, arrampicata, scialpinismo, ma anche il semplice escursionismo possono essere potenzialmente pericolose: la valutazione del rischio spetta alla responsabilità di ognuno singolarmente, in base alle proprie condizioni psico-fisiche e alle condizioni ambientali. Relazioni e descrizioni all'interno del blog sono frutto della nostra personale esperienza, possono contenere imprecisioni nonostante la nostra attenzione; le foto e i video possono essere utilizzati esternamente solo a fronte di richiesta e autorizzazione scritta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *