“THE HUT” nello zaino: come NON passare una notte serena in bivacco

“THE HUT” nello zaino: come NON passare una notte serena in bivacco

postato in: nello zaino | 0
RECENSIONE DI “THE HUT IL RIFUGIO SARA’ LA TUA TOMBA”, VERSANTE SUD COMICS, 2017 – di Marco Preti, Marco Madoglio, Paolo Antiga

Versante Sud non è solo guide e biografie, questo lo sapevamo: ciò che invece non immaginavamo è che la casa editrice specializzata in outdoor avesse anche un settore Comics!

Settore in cui ovviamente si mescolano due ambienti apparentemente lontani anni luce: quello della montagna – nell’immaginario comune un mondo “estremo” popolato da gente dura, iperattiva, inquieta – e quello del fumetto, che riporta alla memoria invece personaggi decisamente più colorati, un po’ nerd o quantomeno stravaganti. L’incontro tra questi due emisferi si è concretizzato in The Hut,una graphic novel ambientata in alta montagna, che ha il grande pregio di annoverare tra gli autori un alpinista professionista, questo per dirvi anche il montagnino più stoico leggendo il racconto non potrà storcere il naso.

Ma il bello deve ancora venire, sì perché The Hut è una graphic novel a tinte horror dove già il sottotitolo Il rifugio sarà la tua tomba la dice lunga sulla tensione che accompagna il lettore durante la lettura, pagina per pagina.

A chi non è venuta mai un po’ ansia certe lunghe sere nel locale invernale del rifugio, al lume della frontale, quando il vento ulula e il legno scricchiola, quando tutte le altre stanze della struttura sono chiuse a chiave e fuori imperversa la tempesta? La storia, dispiegandosi tra disegni che sono carichi di bianchi (quelli della neve che dissolve le forme delle cose) e di neri (quelli delle notti senza stelle o delle profondità dell’inconscio umano), gioca sulle paure di noi piccoli esseri  quando siamo veramente soli in un ambiente ostile, quando perdiamo il controllo o ci rendiamo conto di non averlo mai avuto.

Sarebbe bello che questa sezione di Versante Sud si popolasse di altre graphic novel a tema, che facciano magari della montagna la protagonista – insieme alle storie, alle leggende e alle tradizioni che ne accompagnano la storia – e non solo l’ambientazione dei racconti. È comunque un bel modo, originale e diverso da quelli usuali, di descriverla.

Questo libricino – comodamente trasportabile nello zaino – si presta a diventare un regalo gradito sia per l’amico alpinista, magari da portarsi dietro la sera in previsione di lunghe ore a lume di candela chiusi in bivacco, sia all’amico patito di fumetti, in modo da avvicinarlo al mondo della montagna, affinchè magari ci accompagni per una volta sui monti (anche se forse dopo aver letto il racconto non succederà! :D).

Lascia un commento