Rifiuti: cattive abitudini

postato in: for dummies | 0

Un argomento che ci sta molto molto a cuore: in montagna e nei nostri mari si trovano una quantità allarmante di rifiuti, abbandonati per distrazione, per incuria o per strafottenza non dalle industrie o dalle multinazionali del petrolio (anche da loro, ma non è quello di cui vi stiamo raccontando), bensì da noi, escursionisti e fruitori di questi luoghi.

Se ci andiamo significa che ci piacciono, giusto? Il manto di foglie secche nel bosco, il luccichio della neve sui ghiacciai, le distese erbose dei pascoli ecc ecc…: dunque, perché non fare maggiore attenzione a quello che ci lasciamo dietro? Non solo nel senso di non abbandonare noi per primi sacchetti, bottiglie, carte di barrette, mozziconi di sigaretta, cicche, e via discorrendo, ma anche raccogliendo ove possibile (e quasi sempre è possibile) i rifiuti lasciati dagli altri prima di noi. Renderemmo un bel servizio a madre natura e a noi stessi: basta poco, chi scrive torna dalle escursioni con le tasche piene di rifiuti altrui, avvistati e raccattati sui sentieri, senza andarli troppo a cercare. Esistono anche iniziative per la pulizia delle montagne e dei sentieri, sia di stampo privato e volontario sia organizzate dai gruppi CAI, il fatto è che non dovrebbe essercene il bisogno.

Dato che raramente si vedono alpinisti lordare le montagne anche solo con un mozzicone di sigaretta -si anche gli alpinisti fumano- o resti alimentari l’appello va maggiormente ai fruitori occasionali della media montagna, alle famiglie in gita: il suddetto mozzicone impiega la bellezza di 1-5 anni per essere smaltito (i dati sono variabili, comunque si tratta di tanto tanto tempo), per non parlare di plastica, pile e lattine, senza contare che tutto questo può essere erroneamente ingerito dagli animali che in questi luoghi, di diritto,vivono. E’ un po’ come se andassimo a casa di un amico e scaricassimo la nostra immondizia nel suo soggiorno!

Se pure per molti assidui frequentatori il rispetto per l’ambiente, montano e non, è cosa radicata e portare i rifiuti a valle quasi un’ovvietà, è auspicabile un passo in più nella sensibilizzazione altrui e nell’esempio che si da ponendo rimedio agli errori degli altri.

Sul sito www.isprambiente.gov.it sono riportati in formato .pdf dei quaderni di educazione e formazione da cui si riprende questa tabella, relativa ai tempi di smaltimento dei rifiuti più comuni (per la serie, sapevatelo):

PRODOTTO                          TEMPI DI DEGRADAZIONE             COMPOSIZIONE ORGANICA
Fazzolettini di carta                 3 mesi                                            Cellulosa
Sigarette senza filtro               3 mesi                                            Cellulosa e tabacco
Sigarette con filtro                  2 anni                                             Acetato di cellulosa
Torsolo di mela                       6 mesi                                             Acqua, zucchero e cellulosa
Cerini                                     > 1 anno                                        Stelo con stearina o paraffina
Fiammiferi                              < 1 anno                                         Lignina e celulosa
Giornali                                  10 anni                                           Cellulosa
Lattine per bibite                    Da 10 a 100 anni                              Alluminio
Accendino                              100 anni                                          Parte in plastica
Bottiglie di plastica                  Da 100 a 1000 anni                           Polietilene e policloruro vinile
Sacchetto di plastica               Da 100 a 1000 anni                           Polietilene
Polistirolo                               1000 anni                                        Stirolo polimerizzato
Carta telefonica                      1000 anni                                        Polietilene e plastica
Vetro                                     4000 anni                                       Sabbia silicea e soda
Contenitore per pellicole
fotografiche                           20 –30 anni
Cuoio e pelle                           50 anni
Indumenti di lana                     5 anni
Bucce di arancia e banana      > 2 anni

 

A seguire una rapida quanto non esausiva carrellata dei rifiuti trovati (e portati a valle) dai sottoscritti lungo i sentieri

rifiuti_1 rifiuti_2

Lascia un commento